L’Ecografia mammaria è un esame diagnostico per immagini che consente lo studio anatomico e strutturale del seno: attraverso gli ultrasuoni viene indagato il parenchima della ghiandola mammaria e le sue eventuali alterazioni patologiche.

Con l’Ecografia Mammaria è possibile individuare la presenza di tessuti infiammati (mastite, ascessi, etc.) ed è fondamentale nella diagnosi precoce di lesioni più serie, come i tumori maligni. L’Ecografia mammaria permette anche di visualizzare eventuali alterazioni dei linfonodi ascellari.

L’ecografia è indicata soprattutto per le donne più giovani, sotto i 40 anni di età, in cui normalmente la componente ghiandolare è prevalente, rendendo il seno molto più compatto e più difficile da indagare attraverso la mammografia, altro esame molto importante, da non confondere con l’ecografia mammaria.

Quest’ultima dunque riesce con maggiore sensibilità a visualizzare le zone in cui la densità è diversa da quella normale, individuando lesioni e formazioni nodulari anche di piccole dimensioni, di natura benigna o maligna.

Il nostro fiore all’occhiello: la consegna del referto di tutti gli esami radiologici ed ecografici subito dopo l’esecuzione dell’esame.

Quando si deve fare l’ecografia al seno

Sotto i 50 anni di età è considerato esame di screening contro il tumore mammario ed è comunque indicato in tutti i casi in cui vi siano palpabili formazioni nodulari riscontrati dal controllo di routine al seno eseguito dal ginecologo o dall’autopalpazione.

Dopo i 40 anni di età l’ecografia mammaria è complementare alla mammografia. Infatti se da quest’ultima dovessero emergere aree sospette e poco chiare, l’ecografia può fornire una diagnosi più precisa.

E’ inoltre un’indagine indicata, a giudizio del radiologo, in tutti i casi in cui vi sia la necessità di una comparazione diagnostica.

ecografia-mammaria-diamedica
ecografia-mammaria-diamedica-milano

Come si effettua l’Ecografia Mammaria

L’Ecografia mammaria è un esame non invasivo effettuato da un medico radiologo e viene eseguita attraverso un ecografo dotato di sonde ad ultrasuoni che scansioneranno con la quale si scansioneranno i seni e le ascelle: gli ultrasuoni vengono riflessi in modo differente dai vari tessuti che attraversano.

La paziente sarà comodamente distesa su un lettino con le braccia alzate e piegate dietro la testa per una durata di circa 10 minuti.

Per sottoporsi a questa ecografia non occorre alcun tipo di preparazione, né vi è alcun rischio né controindicazione, in quanto vengono utilizzati ultrasuoni e non radiazioni.

E’ opportuno presentare al radiologo i referti delle precedenti ecografie o mammografie effettuate.